Cosa fa un farmacista ospedaliero?

Un farmacista ospedaliero riempie le prescrizioni di farmaci e prepara soluzioni sterili per via endovenosa. Il ruolo di un farmacista in ambito ospedaliero comprende generalmente la consulenza al personale medico sugli effetti dei farmaci e il monitoraggio dei regimi farmacologici dei pazienti attraverso l'uso di sistemi computerizzati. In alcuni casi, un farmacista ospedaliero consiglierà i pazienti sull'uso di droghe prima della dimissione dall'ospedale. Per diventare un farmacista ospedaliero, un individuo deve possedere un titolo universitario e una licenza di farmacia. Avere successo come farmacista ospedaliero richiede attitudine scientifica, desiderio di aiutare gli altri e una mentalità orientata ai dettagli.

La responsabilità principale di un farmacista ospedaliero è di dispensare farmaci basati sulle prescrizioni dei medici. In alcuni contesti, anche i farmacisti ospedalieri interagiscono a stretto contatto con il personale medico, fornendo loro consigli sui dosaggi e sugli effetti dei farmaci. Alcuni farmacisti ospedalieri hanno un contatto diretto con i pazienti e spiegano ai pazienti informazioni importanti sui loro farmaci prima della dimissione. Nella maggior parte dei casi, i farmacisti che lavorano negli ospedali sono tenuti a tenere traccia dei trattamenti farmacologici dei pazienti e dei possibili conflitti farmacologici attraverso l'uso di sistemi computerizzati.

Alcuni farmacisti ospedalieri sono specializzati in un'area di terapia farmacologica. Nel dipartimento di oncologia di un ospedale, ad esempio, il lavoro di un farmacista può incentrarsi sulla preparazione di soluzioni come la chemioterapia. Un farmacista in un ospedale psichiatrico può essere un esperto dei farmaci usati per trattare una varietà di disturbi mentali. Negli ospedali di terapia intensiva a lungo termine, un farmacista può avere conoscenze specializzate sui metodi endovenosi di fornire una nutrizione adeguata.

Per lavorare come farmacista ospedaliero, è necessaria una laurea in farmacia insieme a una licenza di farmacia. Un dottorato in farmacia si ottiene in genere dopo aver completato un programma di quattro anni. Per essere ammessi a tale programma, i candidati devono aver completato due anni di corsi accademici generali, inclusi corsi di biologia, chimica, fisica e matematica. Una residenza di farmacia da uno a due anni in un ambiente clinico è in genere necessaria per coloro che desiderano lavorare in un ambiente ospedaliero. Dopo aver completato la laurea e la residenza, è necessario ottenere una licenza, che generalmente richiede il superamento di numerosi esami.

Un farmacista che lavora in ospedale deve possedere caratteristiche specifiche per avere successo nel suo lavoro. Deve essere coscienzioso e attento ai dettagli per prevenire errori potenzialmente letali. È necessario un desiderio generale di aiutare le persone, insieme a capacità interpersonali che implicano la comunicazione chiara e l'ascolto attento. Un aspirante farmacista deve anche avere un'attitudine per padroneggiare i principi scientifici coinvolti nei corsi di laurea e nella distribuzione di farmaci. In ambito ospedaliero in cui il farmacista supervisiona altri farmacisti e tecnici di farmacia, deve possedere la capacità di gestire persone e processi.

ALTRE LINGUE

Questo articolo ti è stato di aiuto? Grazie per il feedback Grazie per il feedback

Come possiamo aiutare? Come possiamo aiutare?