Quali sono i diritti di servizio ipotecario?

I diritti di servizio ipotecario sono i diritti detenuti da una società come un prestatore di mutui, una banca o un istituto di credito per gestire gli aspetti operativi di un mutuo ipotecario. Mentre i dettagli possono variare tra le diverse società che possiedono i diritti di assistenza ipotecaria, l'assistenza ipotecaria spesso comprende la ricezione e l'elaborazione dei pagamenti, il mantenimento e l'effettuazione di pagamenti da conti di garanzia costituiti per l'imposta sul patrimonio del mutuatario, l'assicurazione del proprietario di casa e l'assicurazione del mutuo privato. I diritti di servizio ipotecario sono una grande fonte di entrate per le società di servizi ipotecari, ma molti mutuatari non conoscono o comprendono appieno ciò che è coinvolto dietro le quinte con un prestito ipotecario.

Quando un mutuo viene originato da un finanziatore, molto spesso viene immediatamente impacchettato con altri mutui e venduto come merce agli investitori. Quando ciò si verifica, il creditore che ha originato il prestito non è più il detentore o il proprietario della nota ipotecaria. Molti investitori non desiderano o non dispongono dell'infrastruttura per eseguire operazioni come la raccolta di pagamenti dai mutuatari; pertanto gli investitori vendono spesso i diritti di servizio ipotecario ad altre società. Le società che svolgono servizi di mutuo raccolgono quindi una piccola percentuale del totale dei pagamenti mensili ricevuti, tra tutti i mutui che essa fornisce, dagli attuali proprietari dei mutui.

L'intero processo di assistenza ipotecaria può diventare ancora più complicato poiché anche quando i prestiti stessi non vengono venduti a un investitore, il titolare del mutuo può scegliere di vendere i diritti di assistenza ipotecaria a un'altra società. In un'altra variante del processo, il detentore della nota ipotecaria può scegliere di vendere la nota ipotecaria stessa a una società e i diritti di servizio ipotecario a un'altra. In molti casi, il cedente del mutuo vende il mutuo a un investitore, ma mantiene o acquisisce il diritto di prestare il mutuo, anche dopo che il mutuo stesso è stato venduto. Questo è il motivo per cui molti mutuatari spesso non sono consapevoli del fatto che il prestatore a cui stanno inviando i loro pagamenti ipotecari ogni mese non è il vero detentore della nota sul mutuo.

Per il mutuatario, i cambiamenti in chi ha i diritti di servizio del mutuo non cambiano i termini originali del prestito. Tutti i futuri proprietari del mutuo sono tenuti a rispettare i termini del mutuo originario come il tasso di interesse, le commissioni di ritardo, le rettifiche al tasso di interesse, in particolare con i mutui a tasso variabile (ARM) e le condizioni di default. In effetti, per molti mutuatari, l'unica grande modifica potrebbe essere quella alla quale il pagamento viene inviato ogni mese.

In molte aree, ci sono linee guida molto specifiche che le società di servizi ipotecari devono seguire quando il servizio di prestito viene trasferito da una società all'altra. Queste linee guida sono in atto principalmente per informare adeguatamente il mutuatario della modifica imminente e per proteggere il mutuatario dalla presentazione di pagamenti in eccesso o dai pagamenti inviati alla società di servizi di prestito sbagliata. Il trasferimento dei diritti di servizio ipotecario da una società all'altra può spesso essere fonte di confusione per un mutuatario. Se il mutuatario ha domande su questo processo, deve contattare la sua attuale società di assistenza per ulteriori informazioni.

ALTRE LINGUE

Questo articolo ti è stato di aiuto? Grazie per il feedback Grazie per il feedback

Come possiamo aiutare? Come possiamo aiutare?