Quali sono gli accordi di Basilea?

Gli Accordi di Basilea sono una raccolta di accordi stabiliti dal Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria (BCBS). Prende il nome da una delle città più popolose della Svizzera. L'unità amministrativa del BCBS si trova lì e funge anche da luogo di incontro regolare. Gli Accordi di Basilea offrono raccomandazioni su leggi e regolamenti bancari agli istituti finanziari per incoraggiare la gestione del capitale e la capacità di gestire le perdite.

Il BCBS è stato costituito nel 1974 dai governatori delle banche centrali di una raccolta di paesi noti come il Gruppo dei Dieci: Belgio, Canada, Francia, Germania, Italia, Giappone, Paesi Bassi, Svezia, Regno Unito e Stati Uniti. Questi paesi formano la metà delle maggiori economie del G-20. Dalla sua fondazione, altre nazioni di questo gruppo più ampio, che includono Sudafrica, India e Cina, hanno aderito al BCBS. Anche i paesi al di fuori del regno del G-20, come Singapore e Hong Kong, sono membri.

Fu una liquidazione della Bank Herstatt, con sede a Colonia, in Germania, a causa di un ritardo nello scambio di pagamenti in dollari che portò alla formazione del BCBS e portò anche all'origine di Basilea I. Pubblicato nel 1988, Basilea I si concentra su perdite inattese di istituti finanziari come quello sperimentato da Bank Herstatt stabilendo requisiti patrimoniali minimi. L'accordo ha stabilito cinque livelli di rischi di adeguatezza patrimoniale - 0, 10, 20, 50 e 100 percento - che misurano la misura in cui una banca può essere danneggiata da una perdita finanziaria; ad esempio, una banca con lo 0 percento delle sue attività ponderate per il rischio può essere considerata con capitale di classe 1. Secondo Basilea I, il BCBS suggerisce che le istituzioni che operano a livello internazionale operano con un fattore di ponderazione del rischio dell'8%.

Basilea II, pubblicata per la prima volta nel 2004, si espande oltre il focus sul rischio di credito del suo predecessore. Aggiungendo la revisione di vigilanza e la disciplina di mercato ai requisiti minimi di credito, il comitato di Basilea ha quindi stabilito i cosiddetti tre pilastri degli accordi. L'attenzione principale di Basilea II è il rafforzamento e la supervisione degli standard per la comunità finanziaria internazionale.

Con la crisi finanziaria globale che ha preso piede alla fine degli anni 2000, nel 2009 è apparsa la terza edizione degli Accordi di Basilea. Basilea III ha rivisto gli accordi precedenti concentrandosi sul rafforzamento di singoli istituti finanziari per evitare che si verifichino shock diffusi. Tale rafforzamento è incoraggiato attraverso tecniche come la leva finanziaria e la liquidità.

In particolare, il BCBS non esercita l'autorità per far rispettare gli Accordi di Basilea. Ciò che incoraggia, tuttavia, è una convergenza internazionale di standard finanziari di base. Ci sono membri non BCBS che attuano gli Accordi di Basilea attraverso le loro leggi e normative nazionali.

ALTRE LINGUE

Questo articolo ti è stato di aiuto? Grazie per il feedback Grazie per il feedback

Come possiamo aiutare? Come possiamo aiutare?