Che cos'è un fattore di valutazione medio ponderato?

Un fattore di valutazione medio ponderato è un metodo di calcolo e comunicazione del rischio complessivo di un portafoglio di investimenti. È più comunemente associato a obbligazioni di debito garantite. Il fattore di valutazione medio ponderato tiene conto di ogni singola attività del portafoglio, ma pone l'accento sulla base della proporzione relativa del portafoglio costituita da ciascuna attività.

L'uso principale di un fattore di valutazione medio ponderato è con obbligazioni di debito garantite. Si tratta di prodotti finanziari in cui i diritti al reddito derivante da più prestiti e operazioni di credito sono stati acquistati e impacchettati insieme. Gli investitori acquistano quindi obbligazioni nel CDO, con i rimborsi e gli interessi delle obbligazioni derivanti in ultima analisi dal reddito derivante dai prestiti originari. Ci sono due vantaggi principali in questo sistema: legare più prestiti insieme limita il danno causato da un singolo inadempiente; e le obbligazioni possono essere emesse in modo tale che gli investitori possano scegliere un determinato equilibrio tra ottenere un tasso di interesse più elevato o avere una rivendicazione di priorità nel caso in cui le inadempienze significino che non c'è abbastanza denaro per pagare tutti gli obbligazionisti.

Con così tanti prestiti raggruppati insieme, può essere difficile valutare il rischio complessivo di insolvenza su un particolare CDO e la sua gamma di obbligazioni. Il fattore di valutazione medio ponderato è un modo relativamente semplice per raggiungere questo obiettivo. Implica innanzitutto l'assegnazione di un fattore di rischio a ogni singola attività: in effetti, un tentativo di prevedere la probabilità statistica del default del debitore interessato.

Queste cifre dei fattori di rischio vengono quindi mediate utilizzando la ponderazione. Ciò significa adeguare le cifre in modo che corrispondano alle proporzioni che ciascuna attività contribuisce al portafoglio complessivo. Come esempio estremamente semplificato, se il 60% del portafoglio è costituito da entrate derivanti dall'ipoteca A e il 40% è costituito da entrate derivanti dall'ipoteca B, il fattore di rischio complessivo è semplicemente il fattore di rischio dell'ipoteca A moltiplicato per 0,4, più il fattore di rischio del mutuo B moltiplicato per 0,6.

Ciò che rappresenta la cifra media ponderata finale del fattore di valutazione può variare a seconda di chi produce le valutazioni. Un sistema, gestito dall'agenzia di rating Moodys, utilizza valutazioni secondo le quali un punteggio di 100 rappresenta una probabilità dell'1% di default durante 10 anni, un punteggio di 150 rappresenta una probabilità dell'1,5% e così via. Gli investitori dovrebbero controllare attentamente per vedere esattamente quale sistema viene utilizzato, in particolare quando si confrontano le opzioni di investimento di diversi fornitori.

ALTRE LINGUE

Questo articolo ti è stato di aiuto? Grazie per il feedback Grazie per il feedback

Come possiamo aiutare? Come possiamo aiutare?