Quali sono le caratteristiche di un utero postpartum?

L'utero è la parte più strumentale del corpo quando si tratta di crescere e dare alla luce un neonato, e una gravidanza provoca molti cambiamenti nell'organo. L'utero di una donna si allarga e cambia durante la gravidanza per accogliere e sostenere il feto in crescita. Immediatamente dopo la nascita, l'utero postpartum inizia a ritornare alle sue normali dimensioni e condizioni pre-gravidanza. Si stringe e si contrae mentre si restringe. L'utero postpartum rilascia anche lochia, una scarica di sangue e fluidi che inizia immediatamente dopo il parto e spesso continua per diverse settimane.

Entro il nono mese di gravidanza, l'utero di una donna è cresciuto di circa cinque volte le sue dimensioni normali. Una madre che porta multipli - due o più bambini - può sperimentare un aumento ancora maggiore delle dimensioni del suo utero. Questo notevole cambiamento di altezza, lunghezza, profondità e forma complessiva consente all'organo di ospitare uno o più bambini a termine, così come la placenta, le membrane e il liquido amniotico. La nascita del bambino seguita dalla placenta innesca il restringimento dell'utero postpartum. Dopo una settimana, la dimensione dell'utero è stata ridotta della metà e, di sei settimane, è tornata generalmente alle sue normali misurazioni pre-gravidanza.

Un'altra caratteristica normale dell'utero postpartum è il rilascio di sangue, muco e altri vari fluidi. Quando la placenta si stacca dalla parete uterina, lascia una ferita aperta che sanguina nell'utero. Questo processo fa sì che lochia diventi rosso intenso e brillante durante il periodo immediatamente successivo al parto. Il sanguinamento postpartum probabilmente continuerà per circa sei settimane dopo la nascita e una donna osserva più comunemente un cambiamento di colore e flusso quando il sanguinamento diminuisce e il sito della placenta distaccata guarisce.

Un parto cesareo, in cui il bambino viene rimosso chirurgicamente attraverso un'incisione nell'utero, può comportare ulteriori sfide. Il taglio dell'utero comporta una perdita di sangue maggiore rispetto a un parto vaginale e sono necessari punti per chiudere la ferita e prepararla per la guarigione. Il recupero da un taglio cesareo può essere difficile e le donne che soffrono di febbre, arrossamento intorno all'incisione e dolore o disagio anormali, devono contattare un medico. Un operatore sanitario può determinare se una nuova madre che manifesta tali sintomi soffre di un'infezione dell'utero postpartum.

Una donna che ha appena partorito avrà probabilmente le condizioni del suo utero monitorate dal suo team di operatori sanitari. Gli infermieri o le ostetriche spesso massaggiano l'organo, incoraggiandolo a contrarsi e iniziare a tornare alle sue dimensioni normali. Se il medico o l'ostetrica osserva una risposta lenta nell'utero postpartum associata a un'eccessiva emorragia, possono essere somministrati farmaci. In rari casi, potrebbe essere necessario un intervento chirurgico per fermare l'emorragia.

ALTRE LINGUE

Questo articolo ti è stato di aiuto? Grazie per il feedback Grazie per il feedback

Come possiamo aiutare? Come possiamo aiutare?