Quali sono i criteri di trapianto di fegato?

I criteri per il trapianto di fegato richiedono sostanzialmente che il donatore sia in buona salute, dai 18 ai 60 anni, e corrisponda al gruppo sanguigno della parte ricevente. Questo donatore deve voler dare parte del suo fegato per buona volontà piuttosto che qualsiasi guadagno da parte sua, come denaro o beni preziosi. Per la parte ricevente, di solito non viene considerata l'età, ma non avere una malattia significativa in un organo principale tende a porre le probabilità a favore della persona. In genere, avere una malattia psichiatrica, come la depressione, squalifica i potenziali candidati dall'ottenere un trapianto di fegato. È anche meglio se il potenziale candidato è in buona salute considerando le sue condizioni; ad esempio, coloro che sono vicini alla morte potrebbero essere squalificati a causa di possibili complicazioni durante e dopo l'intervento chirurgico.

Normalmente, il donatore deve essere in buona salute, incluso non abusare di alcol o altre sostanze. Avere una storia di abuso di sostanze è generalmente considerata una cosa negativa in base a qualsiasi criterio di trapianto di fegato perché gli operatori sanitari vogliono che tutte le parti siano il più sane possibile, sia fisicamente che mentalmente. Per la parte ricevente, l'abuso di sostanze non lo squalifica, ma deve essere fatto uno sforzo serio per smettere. In generale, la parte ricevente dovrebbe essere sobria per un certo periodo di tempo, ad esempio sei mesi, e completare un programma di riabilitazione approvato.

In genere, i criteri di trapianto di fegato squalificano le parti riceventi con disturbi psichiatrici, come depressione, mania o demenza. I donatori devono essere in grado di prendere la decisione di trapiantare parte del loro fegato con buon senso, quindi alcuni disturbi possono anche impedire alle persone di donare. È anche particolarmente importante che la decisione del donatore non sia influenzata da altri; il personale ospedaliero spesso si prende molta cura di informare la donatrice dei rischi e di assicurarsi che non venga costretta dalla parte ricevente, dalla famiglia o da chiunque altro.

Un aspetto importante dei criteri di trapianto di fegato è l'utilizzo di un fegato con un gruppo sanguigno corrispondente. Una volta deciso che un paziente è idoneo per un trapianto di fegato, gli operatori sanitari devono trovare un donatore con lo stesso gruppo sanguigno o lo stesso tipo O, che è compatibile con tutti i gruppi sanguigni. L'uso di un diverso gruppo sanguigno comporterà il rigetto del trapianto di fegato, e quindi questo non viene eseguito dagli operatori sanitari. A causa del progresso in medicina, i medici raramente hanno un problema con altre differenze minori, come le variazioni dei vasi sanguigni o del dotto biliare, che è un tubo che si collega al fegato.

ALTRE LINGUE

Questo articolo ti è stato di aiuto? Grazie per il feedback Grazie per il feedback

Come possiamo aiutare? Come possiamo aiutare?