Che cos'è la sindrome di Adie?

La sindrome di Adie è una condizione in cui le pupille degli occhi di un individuo vengono dilatate permanentemente. In questo stato, l'occhio non può reagire altrettanto bene ai cambiamenti di luce. Altri riflessi, come quelli del ginocchio e di altri tendini, possono anche essere ritardati. Una condizione molto rara, la sindrome di Adie non è pericolosa per la vita e gli individui afflitti possono vivere comodamente a lungo con la condizione. La sindrome di Adie è anche nota come sindrome della pupilla tonica, sindrome di Holmes-Adie, psuedotabes papillotonici, sindrome di Psuedo-Argyll Robertson, sindrome di Weill-Reys o pupilla tonica di Adie.

Oltre alle pupille dilatate e ai riflessi rallentati di grandi tendini come il tendine di Achille, coloro che hanno la sindrome di Adie sono in genere sensibili alle luci intense. Le loro pupille reagiscono lentamente ai cambiamenti di luce e sono lente a concentrarsi su oggetti di diversa distanza a causa di danni o malfunzionamenti dei corpi ciliare dell'occhio che controllano la pupilla. Altri sintomi includono un aumento o una diminuzione della pressione sanguigna quando si alza improvvisamente, macchie della pelle in cui il corpo non suda e un battito cardiaco irregolare. Occasionalmente, gli individui sono visti con pupille anormalmente ristrette invece che pupille dilatate, sebbene il resto dei sintomi associati sia uguale.

Quasi tre volte più comune nelle donne che negli uomini, le cause della sindrome di Adie sono sconosciute. Si pensa che sia correlato ad altre malattie del sistema nervoso o alle risposte autoimmuni ed è stato visto svilupparsi in coloro che soffrono anche di emicrania o sudorazione eccessiva. È stato anche suggerito che esiste un legame tra la sindrome di Adie e l'uso di caffeina, il consumo di zucchero, un'infezione virale o un trauma agli occhi. Le persone più comuni sono le giovani donne tra i 20 ei 40 anni.

Il test per la sindrome di Adie comporta un esame oculistico per determinare la capacità di risposta della pupilla. I professionisti medici possono includere altri test per escludere una diagnosi diversa. Anche le reazioni intense ai colliri possono aiutare a determinare la diagnosi, poiché ciò indica un malfunzionamento nel controllo del movimento oculare.

In genere, solo un occhio è interessato durante l'insorgenza, ma la condizione si diffonde generalmente all'altro occhio. La condizione di avere una pupilla più grande dell'altra si chiama anisocoria. La perdita di movimento riflessivo nei tendini è permanente, ma ci sono gocce che possono essere utilizzate per aiutare nella costrizione delle pupille colpite. Gli occhiali da vista possono essere personalizzati per aiutare a eliminare eventuali problemi di vista associati alla condizione.

ALTRE LINGUE

Questo articolo ti è stato di aiuto? Grazie per il feedback Grazie per il feedback

Come possiamo aiutare? Come possiamo aiutare?