Che cos'è la spiritualità nativa?

Quando si menziona la spiritualità nativa, si riferisce generalmente alla spiritualità dei nativi americani. Questo è abbastanza diverso dalle religioni come il cristianesimo, poiché non esiste un unico insieme di credenze o dogmi. Non è una religione in quanto tale, ma piuttosto un modo di vivere che integra serie di credenze molto diverse nella maggior parte degli aspetti dell'esistenza di un seguace.

Secondo la stragrande maggioranza degli antropologi, i nativi americani hanno abitato per la prima volta nel continente nordamericano tra 30.000 e 60.000 anni fa. Si ritiene che molti di loro abbiano attraversato la massa terrestre ora sommersa nello Stretto di Bering. Man mano che le popolazioni si espandevano e si formavano le tribù, si sviluppò un gran numero di sistemi di credenze individuali. Mentre praticamente tutti sono diversi, la maggior parte sono collegati tra loro da elementi comuni che si trovano spesso tra cacciatori e raccoglitori nomadi.

Ad esempio, la spiritualità nativa si concentrava in gran parte sul mondo naturale; oggetti, animali e persino luoghi geografici situati all'interno della regione di origine di una tribù hanno ricevuto un significato soprannaturale. Lo sciamanesimo era molto comune e quasi tutte le pratiche spirituali native si basavano pesantemente su rituali, cerimonie, sul concetto di spiriti buoni e cattivi, sulla caccia e sui tabù culturali. Altre tendenze condivise della spiritualità nativa a volte includevano una divinità primaria che creava la Terra e un avversario o imbroglione che affliggeva l'uomo in misura maggiore o minore. Una tale relazione contraddittoria è comune anche alle credenze non native, come nella teologia cristiana di un Dio supremo e di un malvagio Satana.

A causa della malattia e delle pratiche quasi genocide che furono visitate sui nativi americani nel XVIII e XIX secolo, le questioni di spiritualità venivano spesso diluite o estinte. Il cristianesimo veniva spesso imposto con la forza alle tribù dei nativi americani, con il risultato che molti ora portano credenze ibride. In quei tempi, svolgere il lavoro missionario tra le popolazioni indigene era visto come un'alta vocazione. La conversione dei nativi americani da quelli che erano visti come modi pagani era della massima priorità per molti.

Alla fine del XX e all'inizio del XXI secolo, coloro che sposarono le credenze del New Age tentarono di assumere alcune credenze spirituali native. Molti aspetti delle versioni New Age della spiritualità nativa derivano più dalla finzione e dal sentito dire che dai riti e dalle pratiche attuali di qualsiasi tribù. La finzione delle credenze native era quasi inevitabile, dal momento che molte tribù si basavano sulla tradizione orale e ora non hanno alcuna documentazione sui primi rituali.

Esiste una vera religione nativa, sebbene sia di creazione del 20 ° secolo. La chiesa dei nativi americani è stata fondata nel 1918 e vanta circa 300.000 membri. Le credenze della chiesa includono numerosi riti e cerimonie generici, idee cristiane e l'ingestione della pianta allucinogena del peyote. La spiritualità nativa può quindi essere generalmente vista come un insieme estremamente diversificato di credenze e rituali che ruotano attorno a una certa riverenza per la natura.

ALTRE LINGUE

Questo articolo ti è stato di aiuto? Grazie per il feedback Grazie per il feedback

Come possiamo aiutare? Come possiamo aiutare?