Qual è la differenza tra cecità e disabilità visiva?

Quando si determina che un individuo è cieco, significa che non è in grado di vedere, il che può essere una totale mancanza di vista o identificato in termini legali utili per determinare il livello di bisogno di assistenza del governo. La cecità legale, in alcuni paesi come gli Stati Uniti, si riferisce a una visione che è correggibile al massimo 20/200 acuità visiva (VA) o inferiore. L'International Classification of Diseases-10 assegna una gamma di capacità visive in riferimento a disabilità visive, che vanno dal moderato al grave alla cecità, che è la più profonda. Essere ipovedenti può significare diverse cose, la più basilare è che, anche con la correzione medica, una persona non riesce a vedere abbastanza bene per funzionare senza ulteriore assistenza. All'interno di ciò, ci sono vari gradi di cecità e la disabilità visiva è un termine generale che definisce la condizione nel suo insieme.

A partire dal 2011, 284 milioni di persone soffrono di cecità e disabilità visiva. Alcuni sono totalmente ciechi, il che significa che non possono vedere alcun tipo di luce, o hanno un VA che è molto basso - 10/200 (3/60 metri) o meno. Le persone classificate come con insufficienza visiva da moderata a grave hanno problemi di vista e possono vedere, anche se non abbastanza bene da fare certe cose come guidare o leggere, anche dopo la correzione. I VA per ipovisione vanno da 20/60 (6/18 metri) o meno, a un po 'meglio di 10/200 (3/60 metri).

Le cause della cecità e della compromissione della vista, in particolare nella popolazione adulta, comprendono diabete, cataratta ed errori di rifrazione che non vengono corretti. Disturbi visivi correttivi, quali miopia e astigmatismo ed errori di rifrazione contribuiscono maggiormente alla cecità e ai problemi visivi in ​​tutto il mondo. La maggior parte delle cause sono curabili e possono essere prevenute, compresa la carenza di vitamina A, che rappresenta molti dei bambini ciechi del mondo. La mancanza di attrezzature e forniture mediche sono alcuni dei fattori che influenzano la disponibilità delle cure, in quanto l'Organizzazione mondiale della sanità riferisce nel 2011 che il 90% delle persone non vedenti nel mondo vive in condizioni di povertà, sebbene il 60% di esse potrebbe essere efficacemente trattato e un altro 20% prevenuto.

Vivere con problemi alla vista comporta molte sfide, molte delle quali sembrano semplici o sono generalmente date per scontate da coloro che non sono ipovedenti. Le normali attività quotidiane come fare la spesa, guidare, leggere un libro o fare una passeggiata richiedono l'assistenza di una persona, un cane guida o un dispositivo. Molte attività possono essere realizzate con un approccio diverso. Il Braille, ad esempio, consente a coloro che sono ipovedenti di leggere e scrivere usando un codice punteggiato che può essere toccato. Utensili da cucina speciali, come timer con grandi numeri e l'uso della codifica a colori, rendono possibile la preparazione dei pasti.

ALTRE LINGUE

Questo articolo ti è stato di aiuto? Grazie per il feedback Grazie per il feedback

Come possiamo aiutare? Come possiamo aiutare?