Cosa sono le emissioni di gas?

Le emissioni di gas sono materiali gassosi rilasciati, naturalmente o artificialmente, nell'atmosfera. Queste emissioni di gas esistono in una varietà di forme: in particolare vapore acqueo, anidride carbonica, metano, protossido di azoto e ozono. Ognuna di queste sostanze, sebbene già esistente nell'atmosfera a determinati livelli, può essere aumentata con vari mezzi, come la combustione di combustibili fossili o l'eruzione di un vulcano. Gli effetti di queste emissioni di gas si presentano sotto forma di effetto serra. Ognuno di questi gas assorbe le radiazioni nell'atmosfera, aumentando la temperatura della Terra.

Gas diversi hanno effetti diversi sull'atmosfera ed esistono in quantità diverse. Ad esempio, il metano è uno dei più potenti assorbitori di radiazioni, mentre l'anidride carbonica non lo è. Tuttavia, il livello di anidride carbonica dalle emissioni di gas è molto più diffuso del metano, quindi il suo effetto è complessivamente molto più forte. Questo riscaldamento atmosferico è necessario per mantenere le condizioni presenti sul pianeta. La temperatura della superficie terrestre sarebbe circa 59 ° F (circa 33 ° C) più fredda se questi gas non fossero presenti nell'atmosfera.

Il vapore acqueo è l'emissione di gas più diffusa sul pianeta e rappresenta la più grande percentuale di impatto sull'effetto serra. Questo non è generalmente causato dall'uomo in abbondanza. Il due percento dell'atmosfera è composto da vapore acqueo, comprese le nuvole, la maggior parte delle quali deriva dalla semplice emissione di gas causata dall'evaporazione. Questa percentuale, secondo il Environmental Health Center del National Safety Council, rappresenta il 66 percento dell'effetto serra.

Utilizzando campioni di ghiaccio, gli scienziati hanno determinato che le emissioni di gas serra sono cambiate nel tempo. 500 milioni di anni fa, il livello di biossido di carbonio era dieci volte più diffuso di oggi. Alte concentrazioni di gas a effetto serra sono continuate fino all'era moderna. Gli umani vivono ora nell'era dell'Olocene, iniziata con la fine dell'ultima era glaciale circa 10.000 anni fa. Durante questo periodo, le emissioni di gas da fonti naturali come i vulcani sono rimaste relativamente stabilizzate, rappresentando solo una fluttuazione dell'uno percento sull'atmosfera.

Dal 1750, tuttavia, le emissioni di gas dall'uomo sono aumentate in modo significativo, a causa dell'inizio della rivoluzione industriale. Prima di allora, le emissioni di carbonio erano circa 280 parti per milione (ppm). Questo numero è aumentato costantemente da allora per arrivare a 387 ppm all'inizio del 21 ° secolo. Queste emissioni di gas serra derivano principalmente dalla combustione di combustibili fossili, dalla deforestazione, dai clorofluorocarburi utilizzati nella refrigerazione e dai fertilizzanti. Ognuno di questi colpevoli è stato preso di mira alla fine del 20 ° e all'inizio del 21 ° secolo dal "movimento verde", uno sforzo per ridurre le emissioni di carbonio.

ALTRE LINGUE

Questo articolo ti è stato di aiuto? Grazie per il feedback Grazie per il feedback

Come possiamo aiutare? Come possiamo aiutare?