Che cos'è il ferro ridotto diretto?

Il ferro a riduzione diretta (DRI) è un tipo di ferro alternativo prodotto riscaldando il minerale di ferro in modo che l'ossigeno e il carbonio si brucino mentre la temperatura viene mantenuta al di sotto del punto di fusione del ferro. Il ferro a riduzione diretta è anche noto come ferro spugnoso ed è venduto come bricchette, grumi o pellet. In genere viene utilizzato nelle acciaierie su scala ridotta per migliorare le condizioni dell'acciaio prodotto.

Durante il processo di riduzione nella produzione di ferro ridotto diretto, viene utilizzato carbone o un gas speciale, che contiene comunemente una combinazione di monossido di carbonio e idrogeno. Questa miscela funziona come agente riducente e facilita la riduzione del contenuto di ossigeno e carbonio del ferro. Il risultato è un tipo di ferro puro al 90-97%, contenente solo minuscole quantità di carbonio e altre impurità.

La riduzione diretta del ferro era la forma di produzione di ferro più diffusa in Europa e in Medio Oriente fino al XVI secolo. L'introduzione dell'altoforno ha contribuito a rivoluzionare il processo di produzione del ferro e presto è diventato lo standard per la produzione. Con l'aumentare della domanda di ferro, l'altoforno ha permesso di produrre grandi quantità di ferro in un periodo di tempo relativamente breve. Il tipo di ferro prodotto dagli altiforni, tuttavia, non è il ferro a riduzione diretta ma il ghisa, che non è ricco come il ferro a riduzione diretta.

Nell'era moderna, il ferro ridotto diretto è considerato un metodo alternativo per produrre ferro. Il processo di lavorazione del ferro attraverso la via della riduzione diretta presenta un netto vantaggio rispetto alla più tradizionale modalità di produzione dell'altoforno. Non solo il ferro risultante è più abbondante nel contenuto totale di ferro, ma comporta un processo di produzione molto più economico rispetto al funzionamento di un grande altoforno.

Ci sono anche significativi svantaggi nel dirigere il ferro ridotto. La procedura di produzione richiede quantità insolitamente elevate di gas naturale, il che limita le aree del mondo in cui può essere prodotto. L'India, una nazione ricca delle necessarie risorse naturali, produce ferro ridotto più diretto di qualsiasi altro paese. Altre località in cui le risorse naturali non sono così abbondanti utilizzano diverse varianti del processo di produzione tradizionale.

Un altro svantaggio del ferro ridotto diretto è la sua sensibilità all'ossidazione e alla ruggine. Deve essere conservato e utilizzato in condizioni adeguate alla temperatura per garantirne la longevità. È stato anche noto che il DRI in grandi quantità esplode spontaneamente in fiamme quando esposto all'aria aperta.

ALTRE LINGUE

Questo articolo ti è stato di aiuto? Grazie per il feedback Grazie per il feedback

Come possiamo aiutare? Come possiamo aiutare?