Quali sono gli usi medici di Veronica Officinalis?

Una volta considerata una panacea per tutte le malattie, lo speedwell comune o Veronica officinalis , non ha dimostrato la sua efficacia e ha perso il suo posto di rilievo nella moderna farmacopea delle erbe. La veronica officinalis , una volta utilizzata per trattare condizioni diverse come gotta, artrite, prurite, otite media, perdita di appetito, ulcere della pelle e disturbi di reni, fegato, milza, stomaco e polmoni è ora relegata ad un uso occasionale come trattamento per la tosse e l'irritazione della pelle quando non sono disponibili altre erbe. Nonostante ciò, la formulazione proprietaria per le gocce per la tosse Ricola®, tuttavia, include ancora parte dell'erba. Vi sono alcune prove che suggeriscono che a causa dell'alta concentrazione di tannini astringenti all'interno della pianta, la Veronica officinalis può essere utile come trattamento per sanguinamenti minori o diarrea, sebbene dal 2011 non vi siano prove scientifiche conclusive a sostegno di questa affermazione. Quando viene coltivata, questa pianta è generalmente apprezzata per il suo ruolo nella storia medica europea e nella medicina popolare e per la sua sottile bellezza come pianta ornamentale.

Gli erboristi contemporanei ora attribuiscono alla Veronica officinalis molte delle stesse proprietà medicinali di quelle del Plantago major e del Plantago lanceolata . Queste erbe sono generalmente utilizzate per fermare l'emorragia, alleviare lievi irritazioni cutanee e accompagnare altre erbe toniche primaverili in decotti o estratti per disintossicare il sangue. Mentre una tintura purificante da utilizzare nel trattamento di una digestione lenta, tosse flemmatica o eczema cronico può essere fatta usando un vino bianco acido e una pari quantità di foglie miste di speedwell, molte persone scelgono di aggiungere semplicemente alcune delle foglie fresche alle loro insalata giornaliera invece. Se usato in questo modo, non è noto che la Veronica officinalis produca effetti collaterali a parte i rari disturbi gastrointestinali.

Numerosi prodotti sono entrati nel mercato, tra cui la Veronica officinalis come ingrediente principale. Destinato all'uso nella riparazione di danni al rivestimento dello stomaco, a partire dal 2011 non ci sono prove scientifiche che la pianta sia utile per questa condizione. Anche i rapporti clinici sull'uso dell'erba per questo uso sono stati inconcludenti.

Originaria dell'Europa e dell'Asia occidentale, la Veronica officinalis è originaria della stessa famiglia delle altre piante infestanti di Plantago . Naturalizzate in Nord America, queste specie sono ora molto diffuse e prosperano in aree con terreno umido di scarsa qualità. Sebbene i piccoli fiori viola della Veronica officinalis non siano particolarmente appariscenti, la pianta strisciante è rustica, richiede poca cura e può prosperare in aree dove altre piante ornamentali potrebbero non esserlo.

ALTRE LINGUE

Questo articolo ti è stato di aiuto? Grazie per il feedback Grazie per il feedback

Come possiamo aiutare? Come possiamo aiutare?