Che cos'è il carboplatino?

Il carboplatino è un farmaco prescritto per il trattamento del carcinoma ovarico. Un medico può anche prescriverlo a pazienti che hanno il cancro ai polmoni, alla vescica o al seno. Anche i pazienti con tumori cerebrali, carcinoma del testicolo e carcinoma dell'endometrio possono trarne beneficio. Questo farmaco è un agente alchilante e un composto contenente platino che può funzionare rallentando la riproduzione di cellule cancerose anomale. Il carboplatino è comunemente commercializzato con il marchio Paraplatin® negli Stati Uniti

I pazienti riceveranno carboplatino come iniezione somministrata per via endovenosa o per via endovenosa, direttamente in una vena. Un medico deve somministrare questa iniezione e non è disponibile per uso domestico. Il dosaggio di ciascun paziente è determinato su base individuale, in base alla sua risposta al farmaco e al peso corporeo. Il medico monitorerà attentamente il paziente con esami del sangue, test di funzionalità renale e altre valutazioni. Controllerà anche i riflessi del paziente, in particolare delle dita delle mani e dei piedi, per verificare la tossicità dei farmaci, che può provocare intorpidimento delle cifre.

Alcuni effetti collaterali gravi possono verificarsi con l'uso di carboplatino, che richiede cure mediche immediate. I pazienti devono chiamare immediatamente i loro medici se riscontrano problemi respiratori, dolore toracico o respiro corto. Brividi e febbre superiore a 100,5 gradi Fahrenheit sono segni di una possibile infezione.

Altri effetti collaterali gravi possono verificarsi durante l'uso di carboplatino. Il paziente deve chiamare il medico il prima possibile o entro 24 ore se manifesta forti dolori addominali, nausea persistente e diarrea persistente. Possono anche verificarsi urine sanguinanti, feci catramose e insoliti lividi o sanguinamento. Alcuni pazienti hanno riportato piaghe alla bocca o alle labbra, alterazioni dell'udito e alterazioni della vista. Vertigini, confusione ed estrema stanchezza, insieme a crampi muscolari possono anche essere seri.

Il carboplatino può anche causare altri effetti collaterali, che i pazienti dovrebbero discutere con i loro medici se sono gravi. Possono verificarsi perdita di appetito, perdita di peso e costipazione. Molti pazienti hanno riportato capelli fragili o sfibrati, insieme a lievi dolori di stomaco e costipazione. Si sono inoltre verificati cambiamenti nel gusto e lieve nausea o vomito.

Questo farmaco chemioterapico non è destinato all'uso da parte di donne in gravidanza o in allattamento. Si consiglia un metodo barriera di controllo delle nascite. I pazienti devono inoltre evitare di sottoporsi a una vaccinazione senza l'approvazione del medico prescrittore. Coloro che hanno malattie renali o altre condizioni mediche devono informare il medico prima di usare carboplatino.

Altri farmaci e integratori possono interagire con questo farmaco. I pazienti devono informare il medico se usano l'aspirina, qualsiasi altro composto contenente platino o qualsiasi altro farmaco che possa interferire con l'udito di una persona. Il carboplatino può interagire con vitamine, amikacina e kanamicina.

ALTRE LINGUE

Questo articolo ti è stato di aiuto? Grazie per il feedback Grazie per il feedback

Come possiamo aiutare? Come possiamo aiutare?