Cosa sono i recettori dell'adenosina?

I recettori dell'adenosina sono recettori metabotropici per il neurotrasmettitore adenosina. Sono stati identificati tre recettori dell'adenosina, etichettati A1 – A3, e sono tutte proteine ​​che funzionano per identificare e legarsi con l'adenosina. Il recettore per il neurotrasmettitore adenosina è un recettore P1 perché è purinergico, il che significa che contiene un anello purinico.

I recettori sono proteine ​​che si estendono lungo la membrana dei neuroni. I neurotrasmettitori si legano ai recettori e, di conseguenza, specifici canali ionici si aprono o si chiudono. I recettori metabotropici, tuttavia, non hanno canali ionici, quindi il flusso di ioni attraverso tali recettori dipende da uno o numerosi passaggi metabolici. Per questo motivo, i recettori metabotropici, come i recettori dell'adenosina, sono spesso indicati come recettori accoppiati alle proteine ​​G. Questo perché le molecole intermedie chiamate proteine ​​G vengono attivate quando i canali ionici associati al recettore si aprono e si chiudono.

I recettori dell'adenosina hanno caratteristiche chiave che sono condivise con altri recettori accoppiati alle proteine ​​G. Questi includono sette segmenti di membrana che si estendono attraverso il neurone e un ciclo intracellulare, che è ciò che si accoppia alla proteina G. La proteina G e il recettore possono accoppiarsi solo dopo il legame del neurotrasmettitore.

Tre subunità formano le proteine ​​G. Questi includono subunità alfa, beta e gamma. Queste tre subunità sono legate insieme quando la subunità alfa si unisce al nucleotide di guanina noto come guanosina-5'-difosfato (PIL).

L'adenosina è diversa dagli altri neurotrasmettitori perché non è immagazzinata nelle vescicole. Piuttosto, viene prodotto in caso di rottura degli enzimi di adenosina-trifosfato (ATP) e adenosina-difosfato (ADP). Quando il neurotrasmettitore adenosina si lega ai recettori dell'adenosina, l'effetto è una sostituzione del PIL con il nucleotide di guanina noto come guanosina-5'-trifosfato (GTP) sulla subunità alfa. Di conseguenza, la subunità alfa si separa dalle subunità beta e gamma, creando una serie di processi metabolici o biochimici.

Ogni subunità separata ha la capacità di legarsi a molecole, come gli enzimi. Quando gli enzimi sono attivati, vengono generati messaggeri secondari come adenosina monofosfato ciclico (cAMP). I recettori dell'adenosina trasformano il cAMP, che di conseguenza stimola gli enzimi e determina se i canali ionici sono aperti o chiusi. Questi passaggi metabolici influenzano l'afflusso o l'efflusso o gli ioni all'interno del recettore.

La trasmissione di adenosina è importante per molte funzioni corporee. Agisce per difendere i neuroni dallo stress ossidativo e aumenta la quantità di flusso sanguigno al muscolo cardiaco. È anche responsabile della cessazione dell'attività epilettica di sequestro. Durante un attacco, l'adenosina si accoppia alle proteine ​​G, con conseguente apertura dei canali di potassio e chiusura dei canali del calcio. Di conseguenza, c'è una cessazione dell'attività di sequestro.

ALTRE LINGUE

Questo articolo ti è stato di aiuto? Grazie per il feedback Grazie per il feedback

Come possiamo aiutare? Come possiamo aiutare?