Che cos'è un pericyte?

Un periciti, da non confondere con l'omonimo parassita, è una sorta di cellula umana ibrida, in parte nervosa e in parte vascolare. È un tipo di cellula nervosa che si trova principalmente nel racchiudere e proteggere i vasi sanguigni vascolari del cervello. Una delle sue funzioni più importanti è come agente della cosiddetta "barriera emato-encefalica". Queste cellule impediscono il rilascio di alcune sostanze chimiche tossiche nel sangue e di organismi estranei nel tessuto cerebrale sensibile. Hanno anche altre funzioni altrettanto importanti e si ritiene che siano le chiavi critiche per comprendere la causa e forse curare alcune malattie del cervello.

Il termine deriva dal greco peri per "intorno" e cyte per "cellula". Una cellula è la più piccola unità autonoma della vita. Gli organismi multicellulari, come gli esseri umani, sono composti da molti diversi tipi di cellule organizzate come sistemi, co-dipendenti con altri sistemi per sostenere le loro vite. La caratteristica distintiva del pericyte è che si avvolgono strettamente intorno alla parete esterna dei più piccoli vasi sanguigni, chiamati capillari. Sono particolarmente diffusi nel cervello, ma si trovano sui vasi sanguigni che nutrono molte altre cellule nervose del corpo con ossigeno e sostanze nutritive.

Un pericyte afferra il suo vaso tubolare per mezzo di sporgenze simili a dita. Questa forma consente inoltre alle celle di interagire tra loro. Il tipo di cellule che formano la parete dei vasi sanguigni si chiama cellule endoteliali. Sebbene tra loro vi sia uno strato sottile di tessuto connettivo chiamato membrana basale, i periciti sono in contatto diretto con le cellule endoteliali. Il mezzo principale di comunicazione cellula-cellula sta segnalando sostanze chimiche chiamate integrine.

Le pareti dei vasi sanguigni sono permeabili, progettate per consentire all'ossigeno e alle molecole selettivamente grandi come gli zuccheri di attraversarle. Tutte le cellule del corpo umano, comprese quelle del cervello, hanno bisogno di questo rifornimento. Sfortunatamente, il sangue è anche il trasporto di scelta per sostanze e organismi potenzialmente dannosi per la chimica delicata e stabile del cervello. La sua rete di vasi sanguigni richiede un'ulteriore misura di selettività in ciò che è autorizzato a sfuggire alle sue pareti vascolari. Questo è diventato popolarmente chiamato la barriera emato-encefalica.

Un periciti che racchiude i vasi sanguigni del cervello è la prima linea di difesa in questa barriera. Possono contrarsi, sia limitando il flusso di sangue all'interno del capillare, sia chiudendo gli spazi vuoti nella sua parete attraverso cui altrimenti passerebbero grandi molecole chimiche. In un comportamento normalmente associato alle cellule immunitarie predatorie nel sangue umano, queste cellule versatili hanno l'ulteriore capacità di inghiottire e digerire particelle estranee, come le cellule morte. Le cellule endoteliali dei vasi sanguigni, analogamente alla pelle, sono rigenerative e si ritiene inoltre che i periciti siano coinvolti nel controllo chimico della loro ricrescita. Esibiscono anche qualità embrionali, in grado di trasformarsi in altri tipi di cellule completamente diverse, se necessario, come le cellule muscolari lisce, chiamate anche cellule murali.

Le anomalie sono state collegate ad alcune malattie. L'emangiopericytoma, ad esempio, è una rara forma di cancro causata da un eccesso di periciti che strangola i vasi sanguigni formati in modo anomalo. La retinopatia diabetica, la complicanza comune della malattia del diabete con conseguente perdita della vista, è stata trovata essere causata dall'insufficienza dei periciti per proteggere i capillari nell'occhio umano. Si ritiene che molte malattie degenerative del cervello, come l'Alzheimer e la sclerosi multipla, inizino principalmente dalla perdita di periciti e dalla conseguente violazione della barriera emato-encefalica.

ALTRE LINGUE

Questo articolo ti è stato di aiuto? Grazie per il feedback Grazie per il feedback

Come possiamo aiutare? Come possiamo aiutare?