Che cos'è la fisiologia oculare?

La fisiologia oculare è lo studio dei processi fisiologici che coinvolgono l'occhio e tutte le strutture correlate. Questa scienza si basa su chimica, fisica e anatomia. Descrive il meccanismo che il corpo umano usa per interpretare la luce in modi che aiutano a comprendere il mondo.

L'occhio e tutti i processi ad esso associati sono complessi, quindi il termine fisiologia dell'occhio è piuttosto ampio per non dire altro. La fisiologia, in parole povere, può essere pensata come funziona roba. Se l'anatomia è ciò di cui sono fatte le cose, la fisiologia è ciò che realmente fanno queste cose. Ad esempio, l'anatomia dell'occhio può descrivere la pupilla, la cornea o altre strutture, mentre la fisiologia dell'occhio articolerebbe il modo in cui i raggi di luce vengono trasformati in vista.

La vista è una funzione necessaria in molte cose che fanno gli animali e, sebbene non sia necessaria per la vita stessa, gioca un ruolo importante nello sperimentare il mondo. Osservare una catena montuosa, evitare un oggetto lanciato, sperimentare l'attrazione fisica - ognuna di queste attività comuni non sarebbe possibile senza la corretta funzione fisiologica dell'occhio. In poche parole, la luce è composta da piccole particelle che rimbalzano sugli oggetti e negli occhi. Viene quindi raccolto dalle cellule sensoriali e trasformato in impulsi elettrochimici successivamente interpretati dal cervello.

Il modo migliore per avere una percezione funzionale della fisiologia oculare è paragonarlo a quello di un oggetto più tangibile e familiare: una macchina fotografica. La cornea, o al di fuori dell'occhio, può essere considerata come un obiettivo fotografico ed è responsabile di circa il 60% della messa a fuoco della luce. La prossima fermata della luce parzialmente focalizzata è attraverso la pupilla e l'iride, dove le loro qualità simili all'apertura controllano il volume di luce che può passare. Nelle aree scure, questo volume è piuttosto elevato, mentre le stanze luminose possono far diminuire l'apertura, con conseguente cambiamento delle dimensioni della pupilla.

Questa luce più finemente focalizzata alla fine raggiunge una struttura nella parte posteriore dell'occhio nota come retina, in cui coni e bastoncini specifici per la luce agiscono per tradurre la loro ricezione della luce in un impulso che viaggia verso la parte posteriore del cervello. I coni raccolgono luce colorata, mentre le aste sono recettori più o meno chiari e scuri. Il livello della loro eccitabilità da parte della luce cambia gli impulsi che inviano, influenzando in tal modo l'immagine che è effettivamente vista o interpretata dal cervello.

ALTRE LINGUE

Questo articolo ti è stato di aiuto? Grazie per il feedback Grazie per il feedback

Come possiamo aiutare? Come possiamo aiutare?