In che modo il posizionamento dei continenti influisce sul clima globale?

Secondo la teoria della tettonica delle placche, le placche tettoniche che trasportano i continenti del mondo si muovono lentamente l'una rispetto all'altra, riordinandole in modo evidente solo su scale temporali di milioni di anni. Le placche tettoniche si muovono velocemente quanto crescono le unghie. Vengono spinti in giro da un fenomeno chiamato diffusione del fondo marino, in cui i margini delle placche oceaniche vengono costantemente riassunti nel mantello, permettendo al nuovo magma di correre verso l'alto per riempire le crepe che si formano al centro della lastra. Le crepe causate dalla diffusione del fondo marino si estendono in una linea continua attorno ai fondali oceanici del mondo.

Il posizionamento dei continenti influenza il clima globale in diversi modi. La disposizione relativa dei continenti può regolare l'andirivieni delle principali ere glaciali più dei cicli solari o di qualsiasi altro fattore. Quando c'è un continente attorno alle regioni polari settentrionali o meridionali, è a rischio di diventare glaciale e avere un impatto sul clima globale. Soprattutto nel caso dell'Antartide, che è esclusivamente polare, una corrente circumpolare gelida inizia a circolare nel continente e provoca cicli di feedback di raffreddamento e glaciazione. Di conseguenza, l'interno dell'Antartico è il deserto più grande del mondo; il deserto è definito come l'assenza di umidità. Temperature estremamente basse bloccano tutta l'umidità nel ghiaccio.

Una volta, decine di milioni di anni fa, l'Antartide era un lussureggiante continente forestale. Durante la maggior parte della storia del pianeta, le foreste si estesero da un polo all'altro. Fossili di dinosauro sono stati trovati entro 20 gradi dalla paleolatitudine del Polo Sud. Ciò è particolarmente notevole se si considera che i dinosauri hanno un metabolismo più lento rispetto ai mammiferi e probabilmente non hanno affrontato anche il freddo. La loro sensibilità al clima globale è probabilmente ciò che ha contribuito alla loro caduta. La loro incapacità di affrontare i cambiamenti climatici globali è ciò che ha portato i mammiferi a sopravvivere all'estinzione di massa e per i dinosauri (tranne gli antenati degli uccelli) a estinguersi.

Un altro fattore che influenza fortemente il clima globale è se i continenti sono spinti l'uno contro l'altro, come nel supercontinente Pangea, o in gran parte separati, come nel caso di oggi. Quando i continenti sono uniti, significa che gran parte della loro area di terra è molto lontana dagli oceani, rendendo difficile per l'umidità raggiungerli, producendo deserti. Si pensa che il più grande deserto che sia mai esistito fosse il centro del continente Pangea. Oggi, la vita è abbondante all'interno della maggior parte dei continenti, ma allora il centro di Pangaea sarebbe stato praticamente privo di vita.

ALTRE LINGUE

Questo articolo ti è stato di aiuto? Grazie per il feedback Grazie per il feedback

Come possiamo aiutare? Come possiamo aiutare?