Che cos'è un Robofly?

"Robofly" è un nome generico per qualsiasi tentativo di macchine volanti artificiali sulla scala dimensionale delle mosche domestiche, con apertura alare di circa 3 cm (circa un pollice) e pesi di circa 100 milligrammi. Numerosi sforzi di ricerca si sono concentrati su questa sfida, spesso ispirandosi alla biomeccanica delle mosche reali.

Uno dei primi seri sforzi per costruire un robofly è stato dal Biomimetic Millisystems Lab dell'Università della California a Berkeley. Iniziato nel 1998 e ancora in corso, il progetto non ha ancora costruito con successo un vero robofly, anche se alcuni ricercatori hanno collaborato a quello che alla fine è diventato il primo robofly di successo. Il team ha anche fatto numerose importanti osservazioni e scoperte sulla meccanica del volo su scala di insetti. Scoprendo che l'acciaio inossidabile mancava del necessario rapporto resistenza-peso, il team ha iniziato a costruire prototipi in fibra di carbonio nel 2002.

La prima robofly di successo fu costruita dall'ingegnere Harvard David Wood nel 2007. Aveva un'apertura alare di 3 cm e un peso di 60 mg. Poiché il robofly mancava di un sistema di controllo, era un volo vincolato. Come molti altri sforzi di robofly, il lavoro di Wood è stato finanziato dalla Defense Advanced Research Projects Agency, DARPA. L'esercito degli Stati Uniti è stato appassionato di sviluppo di roboflies a fini di sorveglianza, anche se avrebbero avuto molte altre applicazioni.

Costruire roboflies è difficile per diversi motivi: la biomeccanica del volo di volo non è perfettamente compresa e i componenti necessari per costruire i prototipi sono così piccoli e robusti che sono necessarie speciali tecniche di produzione per costruirli. Per il successo della robofly Harvard, è stata utilizzata la micromachining laser di componenti in fibra di carbonio e polimeri, con precisione fino a due micron.

Poiché i roboflies sono così piccoli, le informazioni di sorveglianza che potrebbero raccogliere sul campo sarebbero probabilmente a bassissima risoluzione, probabilmente simili ai segnali visivi raccolti dalle mosche della vita reale. Le loro dimensioni ridotte impedirebbero anche le comunicazioni a bordo con requisiti di alimentazione tutt'altro che molto bassi. Per risparmiare spazio sull'attuatore, il robofly utilizza materiali elettroattivi che si piegano in risposta ai campi elettrici. A partire dal 2008, i ricercatori stanno ancora lavorando sull'ottimizzazione dei progetti di volo e sulla realizzazione di progetti preesistenti.

ALTRE LINGUE

Questo articolo ti è stato di aiuto? Grazie per il feedback Grazie per il feedback

Come possiamo aiutare? Come possiamo aiutare?