Che cos'è un asilo nido stellare?

Un "vivaio stellare" è un modo romantico di riferirsi a una nuvola molecolare nel processo di formazione di nuove stelle. Una nuvola molecolare è una regione dello spazio abbastanza densa di atomi di idrogeno che possono formare molecole, più comunemente H2, o idrogeno diatomico. Le nuvole molecolari possono essere giganti, con una quantità compresa tra 1000 e 100.000 volte la massa del Sole, o più piccola, meno di qualche centinaio di volte la massa del Sole. Questi sono chiamati rispettivamente nuvole molecolari giganti e piccole nuvole molecolari.

Per quanto ne sappiamo, la formazione stellare avviene esclusivamente all'interno di queste nuvole molecolari, da cui il moniker "stellar nursery". Perché una nuvola molecolare sia una nursery stellare, devono essere intese diverse condizioni. Innanzitutto, la nuvola molecolare deve avere abbastanza tasche di densità sufficiente ("nuclei molecolari") per fornire la materia prima per produrre stelle. In secondo luogo, la nuvola molecolare deve essere soggetta a forze agitanti, come le grandi stelle vicine o le supernovae. Quando una parte di una nuvola molecolare viene illuminata e ionizzata dalla radiazione di una stella massiccia vicina, viene chiamata regione HII.

Poiché le regioni HII sono le porzioni di nuvole molecolari che vengono agitate con maggiore forza da fonti esterne, sono il luogo più probabile dove essere un vivaio stellare. Le influenze esterne sono necessarie per creare una stella, perché altrimenti una densità critica viene raramente raggiunta in una nuvola molecolare. Se la densità non è sufficiente, le particelle di gas nella nuvola continuano a orbitarsi per sempre. A causa di un'influenza esterna, come un'onda d'urto di una supernova, le nuvole molecolari possono condensarsi nelle regioni localizzate, diventando ciò che viene chiamato globuli di Bok.

I globuli di Bok sono nuclei molto densi trovati nei vivai stellari. In genere, contengono circa 10-50 masse solari di materiale in un'area di circa un anno luce. I globuli di Bok sono notevoli in astronomia perché contengono una varietà di molecole che di solito non si trovano nel tipico spazio interstellare sparso: idrogeno molecolare, ossidi di carbonio, elio e polvere di silicato. Prima o poi, si pensa che molti globuli di Bok collassino per formare stelle o, più frequentemente, sistemi di stelle binari o ammassi stellari. Si pensa che il nostro Sole sia un'anomalia in quanto non ha una coppia binaria.

I vivai stellari vengono infine distrutti dalle stelle che li creano. Le nuove stelle o aspirano gran parte del materiale locale o lo spazzano via tramite il vento solare. Alla fine, queste stelle neonate potrebbero esplodere in una supernova, innescando la formazione di altre stelle nei vivai stellari vicini.

ALTRE LINGUE

Questo articolo ti è stato di aiuto? Grazie per il feedback Grazie per il feedback

Come possiamo aiutare? Come possiamo aiutare?