Che cos'è un impulso elettromagnetico?

Un impulso elettromagnetico, altrimenti noto come EMP, è un picco di radiazione elettromagnetica che può accoppiarsi con i sistemi elettrici. Questo accoppiamento spesso provoca danni alla corrente o alla tensione di un dispositivo a causa dell'impatto risultante su entrambi i campi elettrici e magnetici. Spesso questo scoppio è il risultato di un'esplosione causata dall'energia nucleare che produce un campo magnetico fluttuante con impatto improvviso. Un impulso elettromagnetico può anche essere causato da una semplice esplosione di breve durata di energia elettromagnetica da un dispositivo a banda larga e ad alta intensità.

In termini di applicazione militare, gli impulsi elettromagnetici sono causati dalla detonazione di una bomba a centinaia di miglia sopra la superficie terrestre. Se usato come arma, questo è chiamato un dispositivo a impulsi elettromagnetici ad alta quota. Per utilizzare questo effetto, la detonazione deve rientrare nei parametri di tre criteri distinti: altitudine di detonazione, resa dell'energia dispersa e piena interazione con il campo magnetico naturale della Terra. Ulteriori problemi possono verificarsi quando un bersaglio è schermato con protezione anti-elettromagnetica.

Nei primi giorni dei test nucleari, gli scienziati hanno identificato gli effetti di un impulso elettromagnetico. Tuttavia, i ricercatori non erano a conoscenza della piena entità dell'effetto, risultando in una lenta realizzazione delle sue applicazioni di armi. Gli scienziati guidati da Enrico Fermi si aspettavano una sorta di impulso dal primo test di esplosione nucleare degli Stati Uniti nel 1945. Pertanto, tutte le apparecchiature elettroniche erano schermate dall'impulso elettromagnetico.

Con il completamento dei test nucleari d'alta quota, condotti nel 1962, gli impulsi elettromagnetici furono ulteriormente compresi. Nel luglio dello stesso anno, un'arma nucleare da 1,44 megaton fu fatta esplodere a 250 miglia (circa 400 chilometri) sopra la superficie terrestre nell'Oceano Pacifico. Conosciuta come Starfish Prime, la bomba causò gravi danni elettrici alle Hawaii, situata a 898 miglia (circa 1.445 km) di distanza. Ciò ha ulteriormente stimolato la ricerca sugli impulsi elettromagnetici.

Un impulso elettromagnetico nucleare richiede una serie specifica di eventi per aver luogo. Questo processo è stato definito dalla Commissione elettrotecnica internazionale. Questi impulsi agiscono molto più velocemente rispetto ai tradizionali eventi ad alta tensione come i fulmini, rendendo difficile la protezione. Le radiazioni gamma causate da una detonazione nucleare fanno perdere gli elettroni nell'atmosfera superiore. Fondamentalmente, questi elettroni spingono via il campo magnetico terrestre allo stesso modo di una tempesta geomagnetica.

Un aspetto importante degli impulsi elettromagnetici è il fatto che la tecnologia moderna è molto più suscettibile agli effetti negativi rispetto alla tecnologia precedente. I dispositivi collegati ai cavi elettrici agiscono essenzialmente come barre di illuminazione, attirando l'impulso. La tecnologia del tubo a vuoto, utilizzata pesantemente nel XX secolo, aveva maggiori probabilità di sopravvivere a un'esplosione. Con la sostituzione di questi dispositivi elettrici con apparecchiature a stato solido, la vulnerabilità dell'elettronica è molto più diffusa.

ALTRE LINGUE

Questo articolo ti è stato di aiuto? Grazie per il feedback Grazie per il feedback

Come possiamo aiutare? Come possiamo aiutare?