Cosa è coinvolto nell'archeologia romana?

L'archeologia romana è lo studio di manufatti umani che rimangono del periodo romano, che, nel suo senso più ampio, si ritiene abbia avuto inizio nel 753 a.C. con la fondazione della città di Roma in Italia da parte dei leggendari fratelli gemelli di Romolo e Remo, al suo ultimo decadimento e caduta nel 44 a.C. con la morte di Giulio Cesare. Il campo dell'archeologia romana in generale è spesso classificato come lo studio di un sottoinsieme dell'archeologia classica, che include lo studio dell'antica Grecia che ha preceduto l'ascesa di Roma e le società collegate nella regione europea come i minoici e i micenei . I manufatti che sono particolarmente importanti per gli studi culturali del periodo includono sculture e altre opere d'arte e documenti scritti del periodo. Altrettanto importante, anche se spesso più scarso o gravemente devastato dal passare del tempo, è lo studio del denaro e dei suoi usi del periodo e di eventuali resti architettonici rimasti ancora esistenti.

Un archeologo si comporta come un detective nello studio del passato, dove deve raccogliere quante più prove possibili sugli eventi per assemblare un quadro completo e accurato di ciò che è accaduto durante il periodo di tempo. Con l'archeologia romana, si presenta spesso un vantaggio unico che non è presente in molte altre arene della ricerca archeologica. Sebbene la maggior parte degli studi archeologici si concentri sui resti materiali delle società passate per mettere insieme una documentazione archeologica accurata, di valore secondario, sebbene importante, è la storia orale che esiste per riempire gli spazi vuoti nella comprensione delle pratiche passate.

Mentre Roma stessa ha cessato di funzionare come un impero e una società coesa oltre 2000 anni fa a partire dal 2011, la regione su cui è stato costruito l'impero è stata continuamente abitata da discendenti dei romani, che hanno spesso portato avanti tradizioni culturali, credenze religiose e usanze con origini antiche. Questa storia orale è spesso più completa quando un'era passata alla ricerca aveva un alto grado di alfabetizzazione. Roma era nota per essere una civiltà tecnologicamente avanzata del suo tempo che portava avanti la tradizione greca del valore dell'educazione e acquisiva nuove conoscenze.

Si ritiene che la cultura umana su cui è stato fondato il mondo romano sia stata popolata da tre distinti gruppi di persone che si sono fuse in una sola. Il primo tra questi era il popolo italico, che era il gruppo rurale e semi-nomade originario della regione e che includeva territori regionali di guerrieri o sovrani. Si ritiene che gli Etruschi siano venuti a Roma da qualche parte in Asia Minore e abbiano portato con sé gran parte delle abilità artistiche e urbanistiche di base che hanno costituito le fondamenta dell'architettura romana e dell'alta cultura. I Greci popolarono anche Roma, inizialmente come una classe mercantile in controllo dei mari, e successivamente in possesso di vaste aree di terra agricola. È dai Greci che l'archeologia romana mostra molte delle sue origini per la mitologia e per stabilire il luogo storico e religioso di Roma nel mondo in generale.

La documentazione archeologica è anche costruita dallo studio dei resti umani e degli strumenti di uso quotidiano usati dalle persone dell'epoca. Ciò significa che gran parte dell'archeologia romana comporta anche lo scavo di città sepolte e tombe antiche. Esaminare ossa, ceramiche e persino i resti di oggetti fragili come cibo, ceramiche e gioielli che vengono occasionalmente conservati e fossilizzati può spesso rivelare più di una cultura di manufatti più elaborati e unici come sculture o grandi sale e luoghi di incontro.

Lo studio dell'archeologia romana è un'impresa complessa e vasta non solo per il fatto che il periodo è durato per molti secoli, ma anche per le dimensioni della società romana. Al suo apice, la civiltà romana si estendeva dalla città di Roma fino alle isole britanniche a ovest, coprendo la maggior parte dell'Europa nel processo e includeva anche il dominio sul territorio moderno in Egitto e Turchia. Tutte le varie culture che Roma è arrivata a dominare si sono fuse in una certa misura con l'impero e possono essere considerate parte della sua cultura e del suo patrimonio.

Si stima che, alla sua altezza, l'Impero romano coprisse un'area di territorio pari a 2.509.663 miglia quadrate (6.500.000 chilometri quadrati). Questo è vicino alle dimensioni dell'intero subcontinente dell'Australia a 2.941.299 miglia quadrate (7.617.930 chilometri quadrati), che è considerata la sesta nazione più grande del mondo a partire dal 2011. Intraprendere uno sforzo di archeologia romana per una civiltà così vasta e che è durato per quasi mille anni è uno sforzo di ricerca che potrebbe non giungere mai a una conclusione definitiva.

ALTRE LINGUE

Questo articolo ti è stato di aiuto? Grazie per il feedback Grazie per il feedback

Come possiamo aiutare? Come possiamo aiutare?