Che cos'è una cella a combustibile micro?

Il concetto di cella a combustibile non è nuovo. È un dato di fatto, il concetto di cella a combustibile è stato sviluppato nel 1838 da uno scienziato tedesco di nome Christian Friedrich Schonbien. Nel 1845, lo scienziato gallese Sir William Robert Grove prese questo concetto e sviluppò la prima cella a combustibile al mondo. Tuttavia, la tecnologia ha fatto molta strada da allora e ora utilizziamo la cella a combustibile in una varietà di applicazioni.

Una cella a combustibile micro è una fonte di energia trasportabile che produce energia elettrica da energia chimica. In generale, una cella a combustibile funziona con lo stesso principio, ma è più grande della sua microparte e può avere vari tipi di fonti di combustibile. Utilizzata come fonte di alimentazione per piccoli dispositivi elettronici, una cella a combustibile micro è un tipo specifico di cella a combustibile, che utilizza metanolo come fonte di combustibile.

Una cella a microcarburante è costituita da una membrana che ha un catalizzatore su entrambi i lati. Un catalizzatore è un agente usato per creare una reazione chimica, che nel caso di una cella a microcarburante è l'acqua. Il catalizzatore di anodo reagirà con il combustibile di metanolo mentre il catalizzatore di catodo reagisce con l'aria.

Sul lato anodico della cella a microcarburante, l'acqua e il metanolo producono protoni, elettroni e anidride carbonica. Gli elettroni sono diretti a fluire attraverso i fili nel sistema elettrico alimentato dalla cella a combustibile micro mentre i protoni sono diretti verso il lato catalizzatore del catodo della membrana della cella a combustibile. L'unica cosa che rimane nel lato dell'anodo è l'anidride carbonica, che viene emessa nell'aria.

Sullo strato con il catalizzatore catodico, elettroni e protoni si incontrano di nuovo e reagiscono con l'ossigeno e producono vapore acqueo. Il vapore acqueo (e il calore) vengono quindi emessi nell'aria.

Le celle a combustibile sono utili per una serie di motivi. Forse il più grande vantaggio che offre la cella a combustibile è che in genere è in grado di accumulare più energia in una minore quantità di spazio (cioè, un'alta densità di energia) e quindi fornire un tempo di utilizzo più lungo. Per le apparecchiature elettroniche che consumano molta energia e non hanno molto spazio per ospitare una batteria di grandi dimensioni, come laptop, fotocamere digitali, smartphone e PDA (Personal Digital Assistants), la cella a combustibile micro può tornare utile.

ALTRE LINGUE

Questo articolo ti è stato di aiuto? Grazie per il feedback Grazie per il feedback

Come possiamo aiutare? Come possiamo aiutare?