Che cos'è AMOLED?

AMOLED è l'acronimo comunemente usato per la tecnologia di visualizzazione elettronica nota come diodo organico a emissione di luce a matrice attiva . I display AMOLED si basano sulla tecnologia a matrice passiva di diodi organici a emissione di luce (OLED) per produrre un display luminoso che non richiede retroilluminazione e consuma livelli di energia estremamente bassi. A partire dalla primavera 2010, AMOLED rimane una tecnologia molto nuova. Si prevede, tuttavia, che diventerà il display preferito per qualsiasi cosa, dai telefoni cellulari ai televisori widescreen, poiché l'aumento della produzione continua a migliorare il prodotto e ridurre i suoi costi.

Dal momento che è un progresso della tecnologia OLED, AMOLED presenta molte delle stesse caratteristiche del suo predecessore. In effetti, le somiglianze superano di gran lunga le differenze. OLED, al suo interno, è un semplice diodo a emissione di luce la cui luminescenza è fornita da un film fatto di componenti organici, al contrario dei tradizionali materiali inorganici. Eseguendo una corrente elettrica attraverso gli elettrodi in un OLED, può emettere luce utilizzabile in una varietà di dispositivi, dalle torce ai computer.

Nei televisori e in altre applicazioni simili che richiedono un display dinamico e in rapida evoluzione, OLED e AMOLED sono superiori ai tradizionali display a cristalli liquidi (LCD) in quanto non richiedono una retroilluminazione per fornire luminosità. Ciò significa che possono essere molto più sottili nella forma e possono visualizzare neri molto più veri, senza le sfumature grigie che distraggono che molti display LCD presentano. Inoltre, i display basati su OLED hanno un tempo di risposta più rapido rispetto a LCD comparabili, il che significa che possono tenere il passo con i contenuti in rapido movimento.

Il principale svantaggio di OLED è che richiede una corrente continua abbastanza elevata che attraversa gli elettrodi. Generalmente, più bianco viene visualizzato, maggiore è la potenza di cui necessita un OLED a matrice passiva. Ciò è particolarmente problematico nei dispositivi mobili, come i telefoni cellulari, che funzionano a batteria.

I display AMOLED aggirano questa carenza incorporando una serie di quelli che sono noti come transistor a film sottile (TFT). I TFT su un display AMOLED agiscono come una serie di interruttori, controllando il flusso di elettricità in un modo su richiesta, in contrapposizione allo stato sempre attivo richiesto da OLED. Sebbene i colori più chiari consumino ancora più energia, i dispositivi che utilizzano un display AMOLED anziché OLED avranno una richiesta di energia significativamente inferiore e una durata complessiva della batteria più lunga.

I principali svantaggi di AMOLED sono la fragilità e la luminosità. Essendo organici, i materiali all'interno di tutti gli OLED sono soggetti a degrado e sono particolarmente sensibili ai danni da umidità. Inoltre, gli AMOLED non sono attualmente in grado di eguagliare la luminosità dei display LCD tradizionali quando utilizzati alla luce diretta del sole. Entrambi questi problemi, tuttavia, sono considerati, nel settore, problemi risolvibili della novità della tecnologia.

ALTRE LINGUE

Questo articolo ti è stato di aiuto? Grazie per il feedback Grazie per il feedback

Come possiamo aiutare? Come possiamo aiutare?